Filippo Bianoli con due sue creazioni di artigianato sostenibile

Artigiani sostenibili in Romagna: l’estro di Silent People

Reading Time: 5 minutes

Il racconto di artigiani sostenibili in Romagna, di Silent People, è un racconto del fare. Fare ricerca di materiali, fare la differenza sul pianeta, fare rivivere ciò che per molti non serve più, fare bene. Continua a leggere, scoprirai che a Lugo di Romagna è incastonata una realtà di spicco nel mondo della moda internazionale.

Leggi tutto l’articolo, scoprirai i nuovi appuntamenti in live Instagram. La moda sostenibile in Romagna si fa portavoce di creatività, in puro stile Silent People! 

Emilia Romagna: il passato come trampolino per il futuro 

L’ Emilia Romagna è una terra accogliente, si sa. E’ anche terra di tenacia, di impegno e di radici profonde. Ed è proprio dall’impegno, dalla capacità di accogliere nuovi stimoli e vedere oltre gli schemi così come dalla passione per le proprie radici che, a Lugo di Romagna, è nato il bellissimo progetto di Moda Sostenibile: Silent People

Il fondatore, Filippo Biancoli, è sempre stato affascinato dall’ amore per il vintage e per la manifattura artigianale. Animo creativo e visionario, è stato tra i primi, in Italia, a vedere l’enorme valore in termini di storia, design e savoir faire che il boom del Fashion in Italia rischiava di ridurre in “straccetti”.

“Ho imparato ad apprezzare particolarmente la manifattura artigianale e rimango incantato di fronte a risultati straordinari dimenticati dalle industrie moderne”

Filippo Biancoli

Così si racconta Biancoli, che infatti è stato uno dei precursori del vintage in Italia. La curiosità, la voglia di capire, porta Filippo Biancoli a dedicarsi per anni alla ricerca di materiali modelli e stili. Da qui la grande presa di coscienza che l’unicità dell’artigianalità italiana avrebbe potuto essere celebrata creando nuovi oggetti partendo da abiti, accessori, modelli dismessi e destinati, dai proprietari precedenti, all’oblio.  Gli artigiani sostenibili in Romagna, con il progetto Silent People, mettono le radici e si sviluppano nel connubio di riuso, artigianato e stile italiano.

Ed è così che nasce un vero e proprio progetto di moda sostenibile in Romagna che, nel giro di pochi anni, porta Silent People ad essere un marchio riconosciuto nello slow fashion internazionale.  

Pezzi unici, con una storia, proiettati verso il futuro

La moda sostenibile in Romagna è rappresentata dall’avveniristico e sapiente progetto di Silent People, che non crea borse, bensì pezzi unici di artigianato. Le borse e gli accessori Silent People, col loro design innovativo, regalano unicità ed immediata distinzione a chiunque li indossi

La ricerca dei materiali porta Filippo Biancoli e Patricia Fraga Rosenfeld (membro centrale del team) a setacciare il mondo militare (giacche, ghette, finimenti per i cavalli) così come tutto il mondo della moda, dell’artigianato e della pelletteria italiane. Tutto si trasforma e rinasce, sotto le sapienti mani e la mente visionaria di questi visionari artigiani sostenibili di Romagna!

Da una vecchia muta da sub in neoprene, nasce una meravigliosa borsa a mano unisex, da vecchi cappotti di pregiatissima lana degli anni 80, uniti a ritagli di pellami pregiati fiorentini danno vita a nuovi zaini. Ogni creazione Silent People è il risultato del sapiente assemblaggio di pezzi smontati appositamente per il progetto di studio, quindi non sarà mai possibile trovare due creazioni uguali. L’autenticità della moda sostenibile trova nei prodotti Silent People la base per l’unicità

Amare la vita, amare la Terra: non solo riciclo ma anche UP-cycle

Nella sola Unione Europea si producono oltre 2 miliardi di tonnellate di rifiuti. Proprio per questo motivo l’UE sta aggiornando la legislazione sulla gestione dei rifiuti per promuovere la transizione verso un’economia circolare, in alternativa all’attuale modello economico lineare. Con il Green Deal europeo, da Marzo 2020, si sta promuovendo un piano d’azione per una nuova economia circolare Europea. L’economia circolare è un modello di produzione e consumo che implica, tra le altre cose, riutilizzo-riparazione, ricondizionamento e riciclo di materiali.  

Silent People, dalla sua fondazione, basa la sua filosofia sul riutilizzo ed il riciclo per costruire pezzi customizzati di impianto unico e con un chiaro stile distintivo italiano. Il riciclo, in Silent People, diventa qualcosa di completamente diverso e nuovo rispetto a quanto era prima, per questo motivo la filosofia di Silent People è ben rappresentata dal terme “up-cycle”. Per upcycle, infatti, si intende l’utilizzo di materiali di scarto, per creare nuovi oggetti caratterizzati da un valore maggiore rispetto al materiale originale. Il valore delle produzioni Silent People, tra i primi artigiani sostenibili di Romagna, è proprio il valore di pezzi di artigianato artistico di grande suggestione. 

Il non luogo che prende anima e diventa posto fantastico, atmosfera magica

Il contributo di Silent People alla Natura non si ferma al rendere il nostro armadio sostenibile (che è già tanto, se ci pensi). La visione trasversale, l’approccio pratico e visionario insieme hanno contribuito alla riqualificazione di un ambiente che, altrimenti, verserebbe ancora nel degrado. Io che abito a pochi metri da questa magnifica sede, sono testimone del sapiente lavoro fatto in nome del ri-uso e della creatività.

il lampadario d'invenzione e recupero dello showroom Silent People

Per creare la sede di Silent People sono stati riqualificati ben due capannoni industriali ex monopolio di Stato. Da un non luogo, agglomerato industriale abbandonato, sono stati ottenuti quattrocento metri quadrati di atmosfera suggestiva unica nel suo genere. Il laboratorio (si, infatti, è possibile osservare gli artisti/artigiani all’opera) è oggi un posto magico, abitato dalle tante anime del passato che raccontano le loro storie nei vecchi tavoli da falegname dei banconi, i vecchi cassoni militari per l’appenderia espositiva. La moda sostenibile in Romagna crea territori e spazi, non solo manufatti!

Ecco come Patricia descrive il percorso che li ha portati a creare lo showroom

“Ricco nei dettagli, questo spazio ci riporta ai tempi nostalgici del lavoro artigianale dove le macchine facevano il giusto indispensabile e l’uomo escogitava metodi istintivi per creare dei capolavori.  Nel contempo, in modo inspiegabilmente dignitoso e silenzioso, lo stesso spazio ci apre le porte alla fantasia e desiderio di cose nuove, di cose belle, con un’anima…..Ecco, dove il nostro percorso inizia veramente, dal nostro essere artigiani sostenibili. L’abbiamo chiamato Silent People”

Patricia Fraga Rosenfeld

Silent People Speak Up 

Silent People è accoglienza del nuovo nel vecchio, capacità di cogliere ciò che va oltre il presente. Il loro concetto che li ha portati ad essere tra i più importanti Artigiani sostenibili in Romagna li ha portati ad accogliere un’idea innovativa! Per questo motivo, sono felicissima di annunciare i prossimi appuntamenti live del Giovedì pomeriggio, direttamente dalla utopistica sede di Lugo. Sarò ospite di Silent People per parlare, tramite l’account Instagram di piadinastory con tanti sognatori, creativi, artisti del nostro futuro guardando al passato! La moda sostenibile in Romagna diventa trampolino di lancio per visionari, artisti e creativi! Devi assolutamente esserci, ma nel caso non riuscissi a partecipare in diretta potrai assistere alla puntata via IGTV. 

Il primo appuntamento sarà Giovedì 4 Febbraio, con Catia Minguzzi, speaker radiofonica di Radio Sound 95, che ci porterà nel mondo del dialogo, dell’umanità, dell’ascolto del passato per capire il futuro. Assolutamente da non perdere! 

Per approfondire

Articolo creato 56

40 commenti su “Artigiani sostenibili in Romagna: l’estro di Silent People

  1. E niente mi sono innamorata di queste borse sono stupende e con tanto carattere come piacciono a me e devo dire che io in Romagna ho sempre trovato botteghe artigiane fantastiche, qualche anno fa facevo dei veri e propri tour che ho intenzione di riprendere appena possibile!

  2. Bellissimo e affascinante progetto, e il risultato è a dir poco eccezionale! Sono letteralmente impazzita per il borsone panna e cuoio ad inizio articolo, già me la vedo indosso, la voglio!

  3. Ho dato uno sguardo al sito ed ho trovato delle borse meravigliose. Si percepisce il grande lavoro che vi è dietro. Credo che “Silent People” sia un progetto che assolutamente merita attenzione.
    Maria Domenica

  4. Che belle borse, sono già andata a seguire il loro profilo su Instagram, bellissimo! Che bella realtà e che bel progetto, assolutamente da sostenere. Filosofia che condivido assolutamente!

  5. Quindi amo il vintage, adoro la manifattura artigianale e sono particolarmente affezionata alla Romagna (dato che mi ha fornito un bel compagno riccionese). Oltre a questo, a forza di leggerti ho scoperto che a Lugo di Romagna “e tutt’intorno” ci sono un sacco di cose belle da fare e da comprare. Ho già consultato google maps e alla prossima visitina a Riccione farò certamente un piccola deviazione lungo il percorso.

    1. Direi che obiettivo stabilito, strategia definita…non resta che organizzare una bella gita nella patria del bel (e che sia anche bravo, come diceva sempre la mia nonna) compagno riccionese e sei a cavallo! Seguici questa sera, in live dal mio profilo Instagram piadinastory, sono convinta potrà piacerti molto!

  6. Adoro il concept alla base di questa attività e su come è stato sviluppato anche tutto lo showroom ed il brand!
    Le creazioni di Silent People sono davvero stupende, da quanto vedo nelle tue bellissime foto! Ho dato anche un’occhiata al loro sito, ho fatto un tour virtuale del punto vendita (bellissimo), e ho già preso di mira un paio di borse che farebbero proprio al caso mio!

    1. Il tour virtuale è bellissimo hai ragione, trasmette l’essenza dello store! Si, hanno delle borse (e zaini, degli zaini WOW) Stupendi. Le ho viste abbinate a millemila look e donano a tutti un sprazzo glam imprescindibilmente distintivo!

    2. Uau! Vedi te cosa si combina a Lugo!
      Segnato tutto: appuntamento giovedì sera live (accidenti!, quello dell’altro ieri ormai l’ho perso), Silent People, Lugo di Romagna, link vari. Quindi a presto, fantastico!

  7. Penso che in questo periodo storico, dare una nuova vita ai vecchi materiali e quindi l’artigianato ecosostenibile, sia la vera rivoluzione contro grandi industrie. Amo queste borse e appena posso ne prenderò almeno una.

    1. Esattamente Annalisa: la rivoluzione si costruisce una grammatica propria, come è testimoniato dall’unicità delle borse Silent People. Ma le radici sono il passato, senza il nostro passato non è possibile costruire un futuro che sia proprio sostenibile. Hai centrato proprio un punto importante! Vedrai che troverai la borsa perfetta!

      1. Che meraviglia e che bella scoperta.
        L’artigianato ecosostenibile dovrebbe avere molto più risalto ed essere sostenuto maggiormente!

        1. Hai pienamente ragione! Pensare che sono per lo più i privati ad investire in questi importantissimi progetti, il silenzio delle istituzioni è una comunicazione spesso molto eloquente di quella che è la visione in merito!

  8. Ho letto con attenzione la storia di questo artigiano e delle sue creazioni, ma é solo aprendo il loro sito che sono rimasta rapita dalla varietà e bellezze delle borse che creano.

  9. L’artgianalità mai come in questo momento necessità di essere spinta, sostenuta e che l’estro italiano brilli in tutta la sua unicità. Mi piace quando viaggio trovare e comprare da questi artigiani dunque… bello bello bello

    1. Esatto Cristina, credo anche io che questi momenti richiedano il sostegno della creatività, del vedere le cose in modo diverso! Ed è proprio per questo che sono proprio felice di potere dare voce al progetto SILENT TALKS che ci porterà, ogni giovedì sera alle 18.30, storie di visionari, creativi ed artisti!

    2. Credo che si parla poco di artigianalità italiana quando bisogna dedicare veramente tanto tempo secondo me comunque non perderò le live Instagram

  10. Semplicemente stupenda la filosofia di questo artigiano e stupendi i pezzi che crea. Sito salvato. E appena passo da Lugo di Romagna sarò sicuramente una dei suoi acquirenti.

  11. Davvero un progetto magnifico per ridare lustro a dei veri artisti. Il loro estro creativo è il vero fulcro del laboratorio che sicuramente dev’essere uno spettacolo visitare.

  12. Sono bellissime queste borse, me ne sono innamorata e non so come farò a sceglierne solo una. Ma me la voglio regalare assolutamente, soprattutto pensando al progetto che c’è dietro di riuso e riciclo, ottimo risultato!

    1. Fai bene, Roberta, le loro borse sono veri e propri pezzi unici che rendono iconico qualsiasi look. Io mi sono fatta fare uno xìzaino su misura. Che rispecchiasse un mio sogno di bimba (legato al libro di Anna dai capelli rossi), il mio primo amore di ragazza e che fosse organizzato e capiente per portare il mezzo ufficio che oramai viaggia giornalmente sulle mie spalle. Il risultato è stato sbalorditivo!

  13. L’idea di dare una nuova vita ai vecchi materiali mi piace sempre tanto! Soprattutto di questi tempi, dove si parla di ecosostenibilità e moda “eco friendly”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto