Itinerari in moto Emilia Romagna, la strada che porta a Brisighella, tutta curve, è amata dai motociclisti

Eccellenze gastronomiche di Romagna, storia e natura: dove mangiare e dove bere a Brisighella

Reading Time: 7 minutes

Hai deciso di regalarti le eccellenze gastronomiche di Romagna? Che sia per una gita fuori porta, un weekend o per le tue vacanze, Brisighella è la scelta giusta per te per te! Natura, storia, buon bere e buon mangiare: Brisighella è regina da sempre di tutto questo. Vanta una grande tradizione di ospitalità e gastronomia antichissima ed è inserita in un contesto di enorme interesse storico, naturalistico ed artistico. Offre un modello di stile di vita lento, accogliente e dedicato alle eccellenze gastronomiche di Romagna. Proprio per questo richiama persone da tutto il mondo e proprio per questo è qui che ha sede la vineria Coramella. Non conosci la vineria Coramella? Trovi qui l’articolo di presentazione che spiega quanto sia speciale, i suoi valori e, “of course“, il suo vino naturale!

Preparati, perché le proposte che ho raccolto per te in questo articolo sono tante e tutte molto accattivanti! Le degustazioni a Brisighella sono una cosa seria! Continua a leggere per imparare tutto quanto renda Brisighella meta perfetta per le tue vacanze slow! In fondo all’articolo troverai tanti spunti su cosa vedere a Brisighella, idee per esplorarne i dintorni ed anche suggerimenti su cosa fare se piove, anche se sei con i bambini.

Brisighella è ideale per te se ami il buon mangiare, il buon bere ed il buon vivere uniti a

  • panorami entusiasmanti,
  • contesti ricchi di bellezza,
  • gratificazioni profonde
  • filosofia di fondo anarchica e ricca di libertà

Questo post nasce dalla partnership di Piadina Story col progetto Coramella, nel quale io credo moltissimo. Continua a leggere e scoprirai perché Coramella è un luogo speciale, punto di eccezione per gli amanti dei sapori genuini e delle scelte di autenticità.

Vacanze slow a Brisighella: facile da raggiungere da tutt’Italia e meta anche per vacanze di prossimità 

Io che abito a Lugo di Romagna lo so bene: Brisighella è meta perfetta per scappare dall’afa estiva e regalarsi la brezza della prima collina. Ma non solo: durante tutto l’anno Brisighella è meta perfetta per gli amanti del buon bere e del buon cibo e sappiano apprezzare un contesto paesaggistico e storico di gran pregio

Magico borgo medioevale sull’Appennino, avamposto del Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, Brisighella è facile da raggiungere. Se la raggiungi da Faenza, pochi chilometri dopo di questa, sulla destra potrai godere (in primavera è un profluvio di rose) dello spettacolo dei giardini dell’Istituto Agrario Persolino. Persino la strada per raggiungere Brisighella è piacevole, immersa nella vegetazione collinare e decorata dalle dorsali dei calanchi.

Brisighella si trova a soli 20Km dall’E45 che collega Roma a Ravenna (strada statale 3 bis Tiberina). Dista poche decine di km dalla riviera romagnola (a Nord) e da Firenze (a Sud). Clicca qui per la mappa

Per questo motivo Brisighella è meta per il turismo locale; da Ravenna, Faenza, Imola, Ferrara è velocemente raggiungibile e quindi ottima per visitare il borgo, i piccoli negozi artigianali e godere di una ristorazione di eccellenza. E’ anche meta di turismo internazionale perché vi si accede facilmente e caratteristica. 

Borgo medioevale di Brisighella

Brisighella: terra di menti anarchiche, che hanno saputo preservare autenticità e biodiversità

Il magnifico borgo di Brisighella e la cultura gastronomica che lo connota sono inseriti in un contesto di grande genuinità, a tratti selvaggio. E’ la vena del gesso romagnola, che disegna di calanchi spettacolari tutta la zona. Qui, il concetto di agricoltura naturale, di rispetto della biodiversità e dell’equilibrio ambientale ha preso vigore da tempo. Gli usi arcaici vengono tramandati con orgoglio e senso di appartenenza, in queste terre. Tra questi calanchi e vigne, credimi, è facile trovare i semi dell’anima sulfurea, quasi barricadera, che caratterizza gli animi romagnoli. Che è la stessa anima che li ha portati a mantenere pratiche di campo e tipologie di coltivazioni che, in altre lande, sono andati completamente perduti.

Vineria Coramella, la vineria naturale con Brisighella intorno

eccellenze gastronomiche di Romagna vini della vena del gesso vino naturale della vineria naturale Coramella

Dove bere a Brisighella? Per un aperitivo usciti dal lavoro delle cittadine intorno, oppure in vacanza, dopo aver visitato il borgo? Beh, da Coramella, la vineria che esprime al massimo il territorio in cui è inserita. Vediamo nel dettaglio. 

Coramella è una vineria di vino naturale, vino vivo. Il vino naturale è ottenuto da vigne naturali, non trattate con agenti chimici o pratiche di campo invasive. Ho scritto un articolo spiegando la definizione di vino naturale, vieni a leggerlo. 

La vineria Coramella è il posto migliore in cui godere di un approccio autentico e naturale ai vini così come alla gastronomia in accompagnamento. La location è assolutamente onirica: una piccola piazza su cui si affacciano i caratteristici edifici medioevali incastonata tra la via degli Asini e la piazza principale del paese. La selezione di vini naturali e di gastronomia di alta qualità la rendono il posto ideale in cui fermarsi per riprendersi il proprio tempo. 

La selezione di vini locali è ricca e generosa. Dai classici come il Rigogolo (Bragagni, Brisighella), un meraviglioso Albana in purezza che non manca mai dalla mia tavola ni momenti più importanti, passando per Febo 2019 (Orlandini, Brisighella) un sontuoso Trebbiano sempre in purezza. Si arriva a toccare vertici come il magnifico Le Campore 2016 un uvaggio perfetto di Chardonnay e Sauvignon che scuote ogni fibra già dal primo assaggio. E molti altri vini ancora, selezionati tra le proposte locali ma anche di altre regioni italiane ed europee in base a stretti criteri di naturalezza e qualità 

La Vineria Coramella presenta un menu di grande finezza e maestria, un menu che rappresenta benissimo l’ azdora romagnola. Le eccellenze gastronomiche di Romagna si accostano in modo magistrale alle proposte più eccezionali di tutta Europa. Dalle bruschette col pane di Marradi si passa per la Coppa dell’azienda agricola Ca’ Ad là (di Brisighella), i formaggi pecorini della Az. Agricola Mezza Ca’ (di Rocca San Casciano), per arrivare alle acciughe sott’olio Anciua, di Sestri Levante o ancora le raffinatissime conserve di pesce Gueyu Mar (asturiane). In pratica, un vero e proprio viaggio sensoriale che perfettamente si sposa con la ricchissima proposta di vino naturale della vineria. 

Dove bere a Brisighella non è domanda da porsi: dove bere a Brisighella (e mangiare) se non da Coramella? 

La Brisighella delle eccellenze gastronomiche di Romagna 

Brisighella è un piccolo paradiso di natura quasi selvaggia, protetta dalla corona di colline e calanchi che la contornano. Per questo motivo cultivar antichi, frutti dimenticati, tradizioni millenarie hanno trovato in questo territorio conservazione e rispetto. L’azdora romagnola ha a disposizione una grande ricchezza, lo sappiamo. A Brisighella si trasforma in una vera e propria opulenza di gusto.

Ecco le principali eccellenze gastronomiche che hanno reso Brisighella famosa in tutto il mondo per la sua enogastronomia, meta di turismo del gusto internazionale così come locale:  

1- Olio extravergine di oliva Brisighella, Brisighello e Nobil Drupa 

tra le eccellenze gastronomiche di Romagna c'è l'olio extravergine di oliva "Brisighella"

L’altitudine di Brisighella (115 m. slm) e la conformazione orografica che permette ai calanchi ed ai monti che la incoronano di proteggere la zona dai venti freddi, ha reso il territorio ideale per la coltura dell’olivo. Il buon mangiare ed il buon vivere non possono prescindere da un buon olio di Brisighella, credimi! Passiamo in rassegna le tre squisite varietà di olio di oliva extravergine che sono le eccellenze gastronomiche di Romagna.

Ora mi trovo nella terra del grano, del vino, dell’olio e del sole. Cos’altro può volere un uomo dal cielo?

Thomas Jefferson a Aix-en-Provence

L’ olio extravergine di oliva “brisighella” è un olio di grande qualità, ottenuto dalla varietà di oliva “Nostrana di Brisighella”. Caratterizzato dal colore smeraldo con riflessi dorati, il l’olio extravergine di oliva ha un sapore piacevolmente piccante con una lieve punta amara. Al palato è pieno e corposo, ma al contempo non irruento e quindi molto morbido. Queste caratteristiche rendono l’olio extravergine “Brisighella” l’ingrediente segreto dei piatti più raffinati, specialmente se usato a crudo. Qui l’azdora romagnola, quando condisce l’insalata, dice che deve bagnare (ungere) il barbetto (il mento). Direi che il messaggio è chiaro. 

Con la selezione attenta dei “cru”, per estrazione a freddo per sgocciolamento, nasce l’olio Brisighello. Un vero capolavoro di arte olearia. Si sposa, credimi, perfettamente con tutti i piatti di pesce. Dona loro una carattere importante e ne esalta l’aroma! 

Ma non finisce qui. Volendo raggiungere le vette delle eccellenze gastronomiche di Romagna, non possiamo non ricordare il “Nobil Drupa“, un extravergine della varietà “Ghiacciola”, rara cultivar del posto. Ammetto di non avere freni, davanti alle lusinghe del Nobil Drupa, che ho avuto la fortuna di assaggiare persino sul gelato alla crema! Ti consiglio di usarlo su un bel piatto di carciofi moretti (altra eccellenza gastronomica di Brisighella) affettati finemente accompagnati con sale dolce di Cervia e abbondante Nobil Drupa. 

Se ti stai chiedendo dove acquistare le diverse varietà di olio extravergine di oliva “Brisighella”, ti consiglio la cooperativa brisighellese “Terra di Brisighella“. ci sono negozi sia a Brisighella che a Ravenna, ma ricorda che è possibile acquistare online, ecco l’indirizzo dello shop. Potrai acquistare le diverse varietà di olio extravergine descritte, come anche specialità gastronomiche (il carciofo moretto sott’olio è qualcosa di lisergico, credi a me)!

2- Il Carciofo Moretto

un cesto di Carciofo Moretto di Brisighella una tra le eccellenze gastronomiche di Romagna

Gli amanti dei carciofi non possono assolutamente lasciarselo scappare: il Carciofo Moretto non è solo uno dei prodotti autoctono più apprezzati di questo territorio, bensì una vera e propria istituzione! Nasce sui versanti accecati dal sole dei calanchi della vena del gesso (45 km di dorsale argentea). I terreni sono quindi silicio-argillosi e questo porta una mineralità al carciofo che non ha eguali. La varietà di Carciofo Moretto ha origina antiche, è stata importata dalla Spagna e dall’africa dai romani. L’isolamento geografico di questo territorio ha permesso di mantenerne l’autenticità, prova ne sia che il Carciofo Moretto non è mai stato oggetto di interventi genetici.

Il carciofo moretto viene raccolto in primavera, a mano e di prima mattina. Da questa breve panoramica è evidente che è in pole position tra le eccellenze gastronomiche di Romagna

Io lo preferisco crudo, in insalata, condito con abbondante olio extravergine di Brisighella, meglio se Brisighello. Ma la comunità di azdore e chef della zona hanno declinato questo frutto prelibato in una marea di ricette che ti lasceranno senza fiato (e con il palato appagato).

Potrai gustarlo in moltissimi piatti della ristorazione locale. Se vuoi acquistarli freschi, il periodo è quello della tarda primavera, troverai tanti negozi di ortaggi e verdure che rivendono i prodotti delle coltivazioni locali.

3- I vini della vena del gesso

Sangiovese di Romagna, Pagadebit, Albana di Romagna, Trebbiano: questi i vitigni che le terre marnose-sabbiose della vena del gesso rendono speciali. Molto minerali, asciugati dai venti e dal sole, i vini della vena del gesso regalano grandi emozioni specialmente quando derivino da vigne naturali e lavorazioni antiche e rispettose della natura. L’assenza di interventi chimici permette di godere al massimo di queste bevute potenti, a volte irruenti, ma sempre molto raffinate.

Il turismo del gusto sta diventando sempre più attento e sensibile, giustamente dico io, all’etica che si nasconde dietro a ciò che assaporiamo. 

Piadina Story (famosa tuttologa di Romagna)

Le peculiari caratteristiche orografiche rendono i terreni di Brisighella perfetti anche per altri vitigni. Magari storicamente più conosciuti per altre aree nord-Europee, ma che trovano in questo angolo di paradiso terreno fertile e caratteristico per sviluppare aromi e gusti indimenticabili. 

Vuoi degustare una selezione rigorosamente naturale (per accedere al massimo che questo territori può conferire) di vini di questo territorio? Ti consiglio di rivolgerti alla Vineria Coramella. I soci, Luigi e Valeria, sapranno guidarti in un percorso sensoriale alla scoperta del territorio veramente interessante.

Per approfondire: cosa vedere a Brisighella e dintorni?

Cosa fare se piove: 

Articolo creato 43

30 commenti su “Eccellenze gastronomiche di Romagna, storia e natura: dove mangiare e dove bere a Brisighella

  1. Mi sembra un ottimo luogo per degustare le prelibatezze della cucina romagnola che conosco molto bene, sono andata a Cesenatico, Milano Marittima e Riccione per anni da ragazzina. Io non guido però e per me sarebbe problematico arrivarci. Lo consiglierò a chi ama la quiete e l’accoglienza romagnola. Un po’ troppo tranquillo per me, sopra tutto dopo due anni di fermo, ma magari chissà più avanti un week di buon cibo si può fare.

  2. Che spettacolo! Salvo il tuo articolo perché devo assolutamente organizzare una visita a Brisighella. Ovviamente mi sono segnata la vineria Coramella…

  3. Ora, io non sono una grande amante del vino, ma non resisterei a quel piatto di salumi o ai carciofi e un buon olio! Quindi l’esperienza sensoriale di Brisighella l’avrei ugualmente e poi con quei panorami e tutta la bellezza culturale, diventa un’esperienza irresistibile!

  4. Adoro Brisighella, ci sono stata lo scorso dicembre e me ne sono innamorata. Credo che sia il perfetto connubio tra paesaggi incantati, borgo storico e gastronomia eccellente.
    Sono certa che ci tornerò a breve per godermi lì anche la bella stagione e i tuoi consigli gastronomici, per assaporare a pieno i prodotti locali, casca a fagiolo!
    Passerò sicuramente da Coramella, i posti così autentici sono i miei preferiti in assoluto!

  5. Degli zii di mio padre sono di Ferrara, questa estate andremo a trovarli e sarà una buon occasione per visitare anche Brisighella.

  6. Sono stata in diversi luoghi della Romagna e devo dire che si mangia bene oltre a che ci sono bei posti. Non conosco Brisichella però. Magari la prossima volta che ci torno vedrò di conoscerla

  7. Quando sono stata a Brisighella, mi ha colpito tanto per il suo fascino! E la nostra regione non si smentisce mai in fatto di cibo! Consiglio a tutti di visitare questo piccolo borgo super caratteristico

  8. Le tue foto mi attirano come il miele attira l’ape 🙂 Alla fine da Milano non ci si mette molto e può essere una bella idea per uno dei prossimi weekend, grazie mille per le info!

  9. Sono stato in Romagna ma non a Brisighella che è la prima volta che sento. Mi piace la cucina in generale e quella romagnola è ottima! Mi piace il fatto che qui si può scappare dall’afa estiva, ne necessito hahaha – Paolo

  10. Inevitabile dire che in questa stagione si mangia benissimo, ci sono stata molte forte e mai mi sono lamentata della bontà di ciò che ho potuto gustare.
    Detto questo, il piccolo borgo di cui parli non l’ho mai visitato ed andarci sapendo già ove andar a mangiare non è niente male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto