Casa Mia

Come proteggere gli animali dal freddo invernale. 7 preziosi consigli dall’ENPA

un pettirosso su un ramo ghiacciato
Reading Time: 6 minutes

Con l’arrivo dell’inverno è importante sapere come proteggere gli animali dal freddo e dalla rigidità della stagione. Eh già, se è vero che con l’abbassarsi delle temperature prendiamo molti accorgimenti per mantenerci caldi e protetti, lo stesso va fatto per i nostri animali domestici ed anche per la fauna libera che, per fortuna, abbiamo attorno a noi. Per trovare i consigli più adeguati per il periodo, ci siamo rivolti all’associazione che da 150 anni si occupa di tutelare la salute dei nostri preziosi alleati di vita: l’ENPA.

Leggimi fino in fondo e quest’inverno sarà più tiepido per te, scaldato dall’amore dei tuoi amici animali, ed anche per loro. Ti spiegherò, infatti, assieme ad ENPA, non solo come proteggere gli animali domestici, ma anche gli animali selvatici, in inverno.

Inoltre

In fondo, nella sezione Risorse Gratuite, Piadina Story in collaborazione con Fido a Tavola mette gratis a disposizione le linee guida alimentari di base per la salute del tuo cane in inverno!

Il primo animalista fu Garibaldi: un viaggio alle origini dell’ENPA

L‘Ente nazionale per la protezione degli animali (ENPA) è una delle principali associazioni animaliste italiane. Ed è anche la più antica in quanto le sue origini vanno risalgono al 1º aprile 1871. In quell’anno Giuseppe Garibaldi, su esplicito invito della nobildonna inglese lady Anna Winter, incaricò il suo medico personale di costituire un ente per la protezione degli animali. Lady Winter e Garibaldi stesso furono, così, soci fondatori e presidenti onorari de la Società Reale per la Protezione degli Animali. Nel 1872 venne quindi redatto e stampato il primo statuto sociale in ben 4 lingue (italiano, inglese, francese e tedesco) a testimoniare la interculturalità del progetto!

I consigli di ENPA su come proteggere gli animali dal freddo dell’inverno

Oggi ENPA è diffusa su tutto il territorio nazionale. È una ONLUS riconosciuta dal Ministero dell’ambiente il cui scopo è fornire tutela dei diritti di tutti gli animali, senza distinzione di razza o specie. Marianna Gianstefani, socia ENPA e volontaria dell’infermeria felina di Bizzuno (Ravenna) ci da 7 preziosi consigli.

Se non hai animali domestici di cui occuparti, passa direttamente al punto 4; da lì in avanti troverai consigli per la fauna libera che vola o cammina nei giardini ed intorno a te.

1. Accogli in casa i tuoi animali domestici

Anche i nostri animali domestici hanno freddo, il fatto che abbiano una folta pelliccia non significa che possano essere lasciati al freddo senza subirne gravi conseguenze! Teniamo nel caldo delle nostre case o appartamenti i nostri amici ‘domestici’.

Cosa c’è di più bello di un gatto che fa le fusa sopra la nostra pancia, ad esempio? La dottoressa Rebecca Watson nel suo libro “The Cat Expert” ci spiega che le fusa dei gatti hanno effetti benefici per noi umani. I gatti, infatti, fanno le fusa a frequenze che hanno un effetto distensivo sull’uomo. Vivere la stagione invernale coi vostri amici felini in casa offre, quindi, un beneficio anche a voi.

Ragazza seduta, con tanti gattini sulle ginocchia. Imparare come proteggere gli animali dal freddo è importante

I gatti sanno sempre come trovare le cucce più calde (ma se vedete che così non è, aiutateli); per i vostri amici cani, prevedete di non lasciare che si sdraino sui freddi pavimenti. Per capire come proteggere gli animali dal freddo, basta pensare alle misure che noi adottiamo. In inverno mettiamo sempre uno strato imbottito (ciabatte, babbucce, calzettoni, tappeti) tra noi ed il pavimento. E’ importante isolare il cane dal pavimento con uno spesso tappeto e coperte. Così come noi tendiamo a raffreddarci e ricorriamo a diverse soluzioni per mantenerci caldi, (salvati il mio articolo su 9 consigli per stare caldi lavorando in smart working) , la stessa attenzione dobbiamo dedicarla ai nostri amici animali.

due piccoli cagnolini bianchi comodamente sdraiati sul divano imbottito di coperte di una casa calda ed accogliente.Imparare come proteggere gli animali dal freddo è importante

2. Ripara ed isola il più possibile le cucce esterne

Un cane bracco all'entrata della sua cuccia esterna. Ha un bel fazzoletto rosso al collo. Imparare come proteggere gli animali dal freddo è importante

Se non puoi tenere in casa i tuoi animali, è fondamentale offrire loro un luogo riparato mettendo coperte nella cuccia ed isolandola il più possibile con materiale idoneo. Inoltre, nel periodo invernale può rendersi necessario spostare la cuccia in una posizione più esposta al sole e magari più riparata dalle correnti. Ricordati anche di cambiare spesso la ciotola dell’acqua e di lasciare anche questa in una zona riparata in modo da proteggerla dal congelamento.

Ricordiamo che detenere animali all’esterno, al freddo, senza adeguato riparo, potrebbe configurare il reato di maltrattamento. Doveste assistere a tali episodi, informate subito le forze dell’ordine o le guardie zoofile Enpa.

3. Adotta maggiori accorgimenti durante le passeggiate

Un consiglio fondamentale su come proteggere gli animali dal freddo è quello di non farsi ingannare dall’attitudine dei nostri amici di divertirsi sulla neve o sul ghiaccio. Anche se a loro piace, è comunque importante considerare che vanno protetti. I cani più anziani, ad esempio, possono avere dolori vertebrali che con le basse temperature acuiscono. Proteggili facendo loro indossare coperture calde (cappottini) adeguati e limita la loro permanenza su neve e ghiaccio durante le vostre passeggiate. Magari riduci le distanze delle passeggiate, con le temperature più rigide, aumentandone la frequenza.

4. Abbevera gli uccellini

Importantissima l’acqua fresca per bere e per la pulizia del piumaggio che gli consente di isolarsi dal freddo. Ottimale sarebbe tenere vaschette e contenitori come sottovasi con acqua pulita per prevenire la diffusione di muffe e batteri.

5. Prepara un goloso buffet per gli amici pennuti

L’inverno è anche la stagione durante la quale i volatili fanno molta più fatica a procacciarsi i cibo. Se lo si unisce al fatto che l’irrigidirsi delle temperature comporta, per loro come per noi, un aumento del fabbisogno calorico, si capisce che è importante aiutarli. In particolare se abitiamo in un contesto urbano (quindi più difficilmente vivibile per i nostri amici volatili) possiamo considerare di allestire un buffet per aiutarli.

Mix di semi oleosi per nutrire gli uccellini. Imparare come proteggere gli animali dal freddo è molto importante

Quale buffet preparare ai nostri amici pennuti? Ricordiamoci che ogni specie ha i suoi gusti. E’ bene offrire loro varietà di cibi differenti per attrarre differenti volatili e arricchire il nostro giardino di colori e suoni meravigliosi. Possiamo proporre ai nostri amici alati: semi di girasole e di zucca, piccole granaglie (miglio, canapa, riso, orzo), uvetta, fiocchi di avena, frutta secca non salata (arachidi, nocciole, noci, pinoli), frutta fresca (mele, pere, banane). Ti ricordo che il cibo va lasciato in zone lontane da possibili predatori magari in posizione rialzata. L’ottimale sarebbe raccogliere il tutto in apposite reti già pronte per l’uso (li trovi già pronti nei negozi di cura degli animali). Bellissimi, il pettirosso, la cincia, il codirosso e, con questi piccoli accorgimenti, ben nutriti senza rischiare di diventare prede di gatti o altri predatori.

6. Un menù sostanzioso per gli uccellini, quando le temperature si fanno più rigide

Mix di semi oleosi per nutrire gli uccellini. Imparare come proteggere gli animali dal freddo è molto importante

Le briciole di dolci, panettone e biscotti possono aiutare i pennuti ad accumulare energie per i giorni più freddi ma non costituiscono l’alimentazione ideale quindi vanno limitate così come vanno evitati i prodotti da forno.

Il come proteggere gli animali dal freddo può declinarsi anche nel preparare piccoli pasti gourmand! Se ti senti chef, puoi sperimentare una ricetta di palline di grasso per gli uccelli selvatici. Ti servirà della margarina vegetale o strutto da sciogliere, cui aggiungerai un mix di mescolati precedentemente in una terrina (semi di girasole, miglio, semi di zucca, uvetta, arachidi, mela a cubetti, farina gialla, zucchero di canna, ecc). Crea con le mani delle tortine a forma di palla e lasciale solidificare. Potrai metterle dentro delle retine (perfette quelle riciclate degli agrumi) ed appenderle ai rami degli alberi, o nelle mangiatoie.

Un uccellino vola verso una casetta che contiene semi oleosi per nutrire gli uccellini. Imparare come proteggere gli animali dal freddo è molto importante

Non ti resta che attendere. Dalle tue finestre assisterai ad un volo continuo di uccellini che disegneranno traiettorie nel tuo giardino e planare inesorabilmente sul cibo! Uno spettacolo che scalda il cuore!

7. Vicino alle siepi o in zone di campagna: occhio ai piccoli ricci!

Un riccio che zampetta tra le foglie secce sull'erba del giardino

All’interno dei consigli su come proteggere gli animali dal freddo non possiamo dimenticarci dei ricci! Nel caso di ritrovamento di un riccio, è importante capire se è sottopeso. sottopeso. I ricci al di sotto dei 300 grammi non hanno il peso sufficiente per consentire loro di andare in letargo. E’ necessario recuperare l’eventuale riccio sottopeso e portarlo ad un centro di cura oppure contattare i volontari Enpa. Questi forniranno tutti i contatti in zona. Se hai dei ricci che frequentano abitualmente il tuo giardino che pesano oltre 400 grammi, non ti preoccupare. E’ sufficiente lasciare loro ogni sera delle crocchette per gatti ed in questo modo darai loro una spinta ad attraversare l’inverno.

Non siamo indifferenti, facciamo la differenza!!

In caso di dubbi possiamo sempre contattare la sede Enpa più vicina a noi.

Per approfondire:

Risorse gratuite:

Conosci la specialista, parmigiana, di nutrizione canina Elena Garella? -qui sopra ti ho messo il link al suo blog- . Ha fatto una live con Piadina Story per parlare proprio di alimentazione e salute dei cani in inverno.

Salvati questo link e scaricati la risorsa gratuita preparata appositamente per tale collaborazione! E’ ricca di consigli e curiosità per permettere al tuo cane di vivere la stagione invernale al meglio! Se ti è piaciuta, ricambia condividendo questo articolo sui social!

(2) Commenti

  1. Valeria dice:

    Ma che teneri consigli!! Anche io nella stagione invernale lascio sempre un po di cibo per gli uccellini

    1. Grazie Valeria, mi piace la definizione “teneri”. D’altra parte noi quanta tenerezza riceviamo dai nostri amici animali, siano essi liberi o facenti parte del nucleo familiare? Sono felice anche tu sia sensibile alle esigenze degli uccellini, le persone come te rendono il mondo un posto migliore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *