vini naturali cosa sono lo capisci anche dalle etichette: vini anarchici, dissacranti come questi

Vini naturali cosa sono e perché sono “anarchici”

Reading Time: 7 minutes

I vini naturali cosa sono se non un vero e proprio manifesto politico? Negli ultimi anni sempre più persone, in tutto il mondo, stanno iniziando a concepire un equilibrio politico, sociale, economico opposto a quello che stiano sperimentando da oltre un secolo. L’industrializzazione, in meno di 100 anni, assieme ad un benessere a macchie di leopardo, ha portato effetti devastanti al pianeta, alla vita delle persone. L’industrializzazione, unitasi alla globalizzazione sviluppatasi verso la fine degli anni ’90 ha rappresentato un limitare divisivo. Anche il mondo del vino ha iniziato ad adeguarsi alla crescente richiesta dei consumatori di prodotti naturali così come all’esigenza dei contadini di un ritorno a pratiche più rispettose e sane.

Cos’è un vino naturale? Per capirlo si deve partire dalla vigna

Per capire i vini naturali cosa sono è importante partire dalla vigna. Non per niente i vini naturali sono anche definiti “vini di territorio” o “vini di vigna“. E’ proprio in vigna che i viticoltori naturali escludono l’utilizzo di pratiche di campo invasive e della chimica di sintesi. I quindi sono posizionati in territori e posizioni vocate, il che permette di fare crescere piante sane senza l’ausilio di stimolanti e protettori chimici. I grappoli vengono raccolti a maturazione e spesso a mano, selezionati uno ad uno per assicurarsi di vinificare solamente i frutti che daranno i risultati migliori. Questo al fine di evitare interventi di cantina con coadiuvanti chimici. In cantina, infatti, i vini naturali vengono fermentati naturalmente, senza l’ausilio di lieviti esogeni.

Quindi i vini naturali cosa sono se non una vera e propria dichiarazione di libertà e autodeterminazione? Continua a leggermi; faremo un viaggio filosofico nel vino, risalendo dal bicchiere alla vigna. 

Partiamo dai calici della vineria di vini biologici e biodinamici che ha appena aperto a Brisighella: la vineria Coramella. Incastonata in una suggestiva piazzetta cui si accede dai caratteristici vicoli medievali che tanto caratterizzano Brisighella, la vineria Coramella ha aperto a maggio di quest’anno ed è già diventata luogo di elezione per chi ama bere e vivere bene.

Questo post nasce dalla partnership di Piadina Story col progetto Coramella, nel quale io credo moltissimo. Continua a leggere e scoprirai perché Coramella è un luogo speciale, punto di eccezione per gli amanti dei sapori genuini e delle scelte di autenticità. Ti sei perso l’articolo di presentazione della vineria? Eccoti il link, sono certa che ti piacerà! 

I vini naturali cosa sono, in poche parole

Valeria e Luigi, soci titolari della vineria, conoscono bene il valore della libertà ed è proprio per questo che alla vineria Coramella si respira un’aria diversa. I vini naturali cosa sono, mi spiegano, se non un concentrato di libertà? Riflettiamoci insieme:

  • vini prodotti da piccoli produttori, indipendenti
  • ottenuti da vigne a bassa resa, proprio perché l’agricoltore non mette in atto pratiche di campo invasive per aumentare innaturalmente il rendimento
  • liberi dall’inquinamento chimico derivante da pesticidi di sintesi, erbicidi o insetticidi
  • risultati di fermentazioni spontanee, che in quanto tali, variano da uva ad uva, da vendemmia a vendemmia

1. Vineria Coramella e la filosofia di Mill: la libertà alla base della felicità

Ogni volta in cui prendo posto ai tavoli della vineria Coramella mi sento bene. Accolta per quello che sono, nella mia unicità. Libera di cercare compagnia così come di starmene da sola senza giustificazioni, libera di esprimermi senza condizionamenti.

Continua a leggere, voglio dimostrarti perché produrre, vendere e bere vino naturale sia un’importante dichiarazione sovversiva di libertà e di come questo sia parte centrale dell’identità e del valore della bevuta naturale.  Ho scritto un articolo su vini naturali, anche chiamati vini vivi, che ti può essere utile per approfondire questo interessante argomento; lo trovi qui.

E’ intorno alla libertà che, secondo il filosofo John Stuart Mill, ruota la felicità umana. Oggi, dopo ben due anni di restrizioni alla nostra libertà personale, lo sappiamo meglio che mai. Ci è ancora più facile di due anni fa capire quanto il rispetto delle libertà sia centrale per dare il meglio di noi, del nostro vivere. 

“Se posso permettermi il lusso del termine,  da un punto di vista ideologico sono sicuramente anarchico . Sono uno che pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio.”

Fabrizio De Andrè

2. Vini naturali cosa sono: la filosofia della vigna anarchica

Come riconoscere un vino naturale? un vino natrale racconta la storia della sua terra, della vigna e del viganiolo. E non è mai una storia uguale alle altre. Un vino naturale ha carattere e lo esprime con aromi propri, caratteristici, mineralità espressive. Nessuna definizione di vino naturale sarà mai sufficiente a descriverlo se non il termine: anarchico.

Più di una volta ho espresso la mia idea riguardo allo spirito anarchico di chi abita le colline della vena del gesso, dove si trova il meraviglioso borgo medioevale di Brisighella. Adduco all’animo anticonformista, infatti, la capacità di queste genti di preservare antiche lavorazioni ed antiche cultivar e specie. Dal carciofo Moretto, all’olio extravergine Brisighello, passando per i “frutti dimenticati” (che qui non sono stati dimenticati mai), si sono arrogati la libertà di difendere il proprio saper fare. 

Martin Luther King  ha ispirato molti con la frase «la libertà di un individuo finisce dove inizia quella dell’altro». In una vigna naturale, invece, è più il concetto anarchico teorizzato da Bakunin che rende l’idea di libertà. Secondo Bakunin, infatti, la libertà individuale è confermata dalla massima libertà di tutti gli altri (del sistema, diciamo). Quindi più sono le libertà delle persone e più sono le persone libere, maggiore sarà la libertà dei singoli

Chiome ribelli: libertà in vigna

io in una vigna naturale per capire i vini naturali cosa sono
Io che visito il vigneto della azienda agricola Bragagni, meravigliosa etichetta di vini naturali a Brisighella

Questo funziona in vigna come altrove. Prendi ad esempio la cura della chioma della vite. Il caldo e l’insolamento estivo sono i principali fattori della crescita della chioma verde in campo. Prendersi cura della chioma verde significa assicurarsi che la pianta non abbia una chioma troppo rigogliosa, che tolga nutrimento ai grappoli in formazione prima e maturazione poi. Spesso, però, nella viticoltura tradizionale, il vigneto viene concimato. La concimazione comporta un aumento della produzione, di chioma come anche di grappoli, che deve essere quindi spesso e pesantemente potata e diradata. E’ in pratica un interventismo assurdo, un po’ come quando mi va in tilt il sistema di autoregolazione e mangio in modo smodato, per poi mettermi a pane ed acqua per dimagrire. Diciamolo (a bassa voce, che non mi senta mia madre, sempre pronta a bacchettarmi): non ha molto senso.

“Se introduci un po’ di anarchia… se stravolgi l’ ordine prestabilito… tutto diventa improvvisamente caos. Io sono un agente del caos. E sai qual è il bello del caos? È equo!”

Heath Ledger – Joker-

La viticoltura naturale cerca di ridurre al minimo gli interventi di diradamento o anche di potatura verde. In rispetto del principio naturale per cui se la pianta fa crescere il verde, all’atto della potatura o diradamento, cercherà di tornare a ripristinare il verde riproducendone. Ancor più se si è intervenuto nell’equilibrio naturale concimando. I viticoltori naturali hanno l’obiettivo, quindi di interferire il minimo possibile sullo sviluppo naturale della pianta in quanto credono nella capacità autoregolatrice dell’intero sistema naturale. Meno intervento significa più libertà; se questo lo si estende a tutto il sistema produttivo si otterrà un equilibrio naturale. Quando ti chiedi “i vini naturali cosa sono” pensa semplicemente a questo: dimostrazione di fiducia ed amore verso la natura ed i suoi principi di equilibrio.

cosa sono i vini naturali? Libertà di essere diversi

Un altro esempio ci viene offerto dal processo di vinificazione naturale stesso. Questo si basa sulla fermentazione spontanea che consiste, in pratica, nel non avvalersi dell’aggiunta di lieviti esogeni e coadiuvanti enologici. I produttori di vini naturali lavorano sfruttando esclusivamente i lieviti naturalmente presenti sulle bucce dell’uva. Questo significa che il vino ottenuto non avrà sempre le stesse caratteristiche, di anno in anno, non sarà standardizzato. Una bevuta naturale, infatti, porta con sé la scoperta del terroir, ma anche dell’annata (siccitosa o meno, assolata o meno), dei terreni e di molto altro ancora. Il vino naturale diventa vera espressione del territorio in quanto sin dalla vigna si è data piena libertà alla natura di esprimersi in tutta la sua potenza. I vini naturali cosa sono se non un vero manifesto anarchico? Se non è anarchia questa, in un mondo soffocato da standard, procedure, limiti, dimmi tu cos’è.

3. L’etica dei vini naturali

etichette di vini naturali in vendita presso la vineria Coramella di Brisighella

E’ quindi tra i filari che prende forma l’impronta etica di una cantina: il rispetto per la salute del consumatore, e, ancora più importante perché riguarda anche chi il vino non lo beve, il rispetto e l’amore per la natura. La cura del vigneto consiste nell’ancestrale cura di un intero ecosistema che si basa sull’osservazione della salute del sistema. Si basa anche sull’ accettare la naturalità degli accadimenti senza volere giocare al piccolo chimico per alterare equilibri e contrastare avversità.

Dalla vigna ai tavoli delle nostre case, passando per gli angoli di paradiso, come sono ad esempio i tavoli della vineria Coramella di Brisighella, il ciclo di rispetto della libertà di esprimersi al meglio ed al massimo potenziale non fanno che diffondere un buon vivere. Non trovi? Da adesso, alla domanda “i vini naturali, cosa sono” tu risponderai: felicità e libertà. Per chi li beve e per tutto il sistema. E Bakunin (e non sol lui) sarà d’accordo.

Vineria Coramella vi aspetta a Brisighella ai seguenti orari:

Giovedì e Domenica 18-23,

Venerdì e Sabato 18.00 – 24.00

  • Coramella è a Brisighella, nella magnifica cornice del centro storico, in via Gattamarcia 3.
  • Orari di apertura: Giovedì e Domenica 18.00 – 23.00 Venerdì e Sabato 18.00 – 24.00

La location esclusiva nella piazzetta medioevale è molto ricercata: prenota il tuo tavolo tramite messaggio WhatsApp o chiamata WhatsApp al seguente numero: 348 747 7429

Per approfondire

  • La vineria Coramella è a Brisighella, ovvero nell’affascinante contesto della vena del gesso. Ecco il link per approfondire le eccellenze gastronomiche di Romagna ed il contesto naturale che caratterizza questa zona
  • I vini naturali, anche detti vini anarchici, sono una risorsa che sta diventando sempre più importante e riconosciuta, tanto da spingere ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino) a considerare un corso specifico per guidare a scoprire, all’assaggio, i vini naturali cosa sono
  • Dove comprare vini naturali? A Forlì trovi la fornitissima Drogheria Gitana, ma se preferisci acquistare vini naturali online, eccoti il link del distributore di vini naturali Gitana Wines
  • Interessato ad approfondire l’argomento do cosa sono i vini naturali, vino naturale senza solfiti, la vinificazione naturale e molto altro? Ecco un link interessante
  • Il pensiero filosofico di John Stuart Mill è stato fortemente riscoperto, in chiave contemporanea, anche grazie all’esperienza pandemica. Eccoti il link per approfondire
  • Anche il pensiero anarchico, in Italia corrente longeva e determinante del pensiero politico comune, ha vissuto un vero e proprio “revamping” come risposta alle restrizioni alla libertà personale introdotte in pandemia. La figura di Bakunin è quella che a me ha sempre affascinato di più, approfondiscila in questo articolo secondo me molto ben scritto
Articolo creato 56

22 commenti su “Vini naturali cosa sono e perché sono “anarchici”

  1. Sono un’amante del vino e mi ha affascino questi vini naturali, non avevo approfondito nel dettaglio sui vini naturali, magari se dovessi essere da quelle parti farò un salto! Complimenti per l’articolo Elena!

  2. Ti dirò la verità….non ero a conoscenza di questo vino naturali e devo ammettere che è una cosa molto bella. Da vera amante del vino, non posso farmi mancare una visita alla vineria Coramella 😉

  3. Benché, al momento, io non sia una patita dei vini naturali andrò a fare una visita alla vineria Coramella per capirne di più!

  4. Mi è piaciuta molto la storia di questa azienda e per fortuna che ce ne sono ancora So bene di cosa si parla visto che fino a pochi anni fa anche noi avevamo un vigneto che curavamo allo stesso modo e credo che ce ne dovrebbero essere di più di aziende come questa

  5. Da dove parto? Dal vino: ebbene, adoro bere! Non potrei farne a meno, mai! Sono abbastanza anarchica? Ahah. Sono consapevole della mia dipendenza, ma ci convivo civilmente e me ne compiaccio.
    E se lo diceva De André! (che però ogni tanto esagerava di brutto, a dir la verità, ahahah)

  6. Purtroppo io non sono una gran bevitrice di vino e non riesco ad apprezzarlo particolarmente, ma trovare un luogo dove potersi sentire liberi e a contatto con persone che si curano dei prodotti naturali,non alterandoli, è davvero una bella esperienza.

  7. Bella la storia di questa vineria, un locale dove mi piacerebbe andare. Sicuramente riporterei a casa tante meravigliose bottiglie, non solo per me ma anche per regalare a parenti e amici.

    1. Oh, bellissimo concetto Annalisa: esatto questi vini hanno bellissime storie da raccontare. Per questo motivo, anche secondo me, possono essere dei doni molto graditi. Ovviamente bisogna aver orecchie per ascoltare i loro racconti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto