Gallamini piante e fiori e Lugo: intrecciate insieme da oltre 100 anni

Reading Time: 5 minutes

La magia che sento entrando da Gallamini piante e fiori a Lugo ha un alfabeto suo. Sono al terzo anno di scienze della comunicazione, ho 47 anni ed almeno 30 li ho trascorsi leggendo tantissima letteratura. Sono da sempre affascinata dai tanti linguaggi e rispettivi alfabeti che gli esseri umani sfruttano per comunicare tra loro.

Dammi odoroso all’alba un giardino di fiori bellissimi dove io possa camminare indisturbato

walt whitman

Il linguaggio dei fiori nelle epoche e nel mondo

Lo sai che il linguaggio dei fiori è stato uno strumento comunicativo molto potente e diffuso per tutto l’800 e per i primi decenni del ‘900? Le passioni, infatti, trovavano nella codifica floreale la possibilità di esprimersi in un modo di cui, purtroppo, la società contemporanea è rimasta orfana. La florigrafia (questo era il nome del linguaggio dei fiori) comunicava, attraverso allestimenti e scenografie floreali, emozioni e sentimenti che non trovavano un corrispettivo linguistico. L’ineffabile, quello che si provava ma non si riusciva ad esprimere linguisticamente, veniva espresso coi fiori.

In Giappone la codifica del linguaggio dei fiori ha superato le epoche ed è tutt’ora molto forte. Lo hanakotoba (lett. parole dei fiori), infatti, è il linguaggio che tutt’ora i giapponesi attribuiscono alla bellezza evocata dai fiori. È all’interno del linguaggio dei fiori tradizionale giapponese che si sono sviluppati i concetti iconici di sakura (fiori di ciliegio) e del crisantemo, oggi simboli nazionali.

Una lingua si preserva se la si continua a parlare

intervista a giuseppe bellosi pubblicata su settesere n.42 19 novembre 2021

Il linguaggio dei fiori, inutile dirlo, per lo meno alle nostre latitudini, è sempre meno “parlato”, ma non ha perso il suo fascino. Ai fiori ricorriamo quando vogliamo comunicare passione, ma anche cura, accoglienza, consolazione. Possiamo farlo grazie al paziente e spesso silenzioso e introspettivo lavoro di chi cura e si occupa di fiori: vivaisti, fioristi e fiorai.

Gallamini piante e fiori, a Lugo, è una vera istituzione. Tu continua a leggermi e scoprirai perché.

La storia della Bassa Romagna parla l’alfabeto dei fiori – l’incontro con Carlo Gallamini

Il signor Carlo Gallamini è, oggi, l’anima del negozio dello storico negozio di piante e fiori di Lugo. Entro, mi accomodo e mi guardo attorno. Sono circondata da bellezza: i fiori e le piante sono solo una parte del fascino che il negozio trasmette. Dietro alla disposizione dei bellissimi fiori, dell’oggettistica e complementi di arredo, infatti c’è una passione che si è trasmessa per tre generazioni. Ed è di questa che il signor Carlo mi parla subito.

Gallamini Piante e Fiori è un’ istituzione per la Bassa Romagna e quest’anno festeggia ben 100 anni di attività. Una ricorrenza tanto importante quanto rara, ci racconta il segreto che si nasconde dietro ad un successo tanto longevo?

«Oggi celebriamo 100 anni di attività, in quanto prendiamo come riferimento un documento ufficiale emesso da comune di Ravenna nel 1921. Si tratta di un importante riconoscimento allo zio Vincenzo (detto Cencio) per l’allestimento floreale in occasione dei 600 anni dalla morte di Dante. Ma in realtà Gallamini Piante e fiori a Lugo nasce prima, nel 1892. Risale ad allora, infatti, la richiesta del nonno del signor Carlo, Luigi Gallamini, di rinnovare l’affitto dell’Orto di San Domenico»

Hai letto dello zio Vincenzo, detto Cencio. Sai che tutt’oggi in Romagna ci sono persone conosciute per il loro nome in dialetto e non per il nome all’anagrafe? Ascolta la puntata di PIADINA-QUARK

Il nonno Luigi Gallamini coltivava il piccolo appezzamento a orto ma, già all’epoca, la concorrenza non faceva sconti. Fu proprio per questo motivo che accanto ad insalate radicchi e e rape rosse cominciò a coltivare anche i fiori. Nei primi del ‘900 l’attività relativa i fiori, con grande passione ed impegno, era diventata importante. Fu così che Luigi Gallamini cominciò la sua attività di vivaista.

Buttate pure via ogni opera in versi o in prosa. Nessuno è mai riuscito a dire cos’è, nella sua essenza, una rosa

giorgio caproni

Il signor Carlo continua a dipanare i fili di tre generazioni che si sono succedute nell’importante compito di preservare il significato dei fiori. Noi lo seguiamo nel suo racconto.

Genesi del famosissimo parco del loto di Lugo

Fu lo zio Cencio, in occasione di un viaggio in Giappone (dove, come hai letto sopra, il linguaggio dei fiori si è mantenuto più a lungo nella cultura popolare) ad innamorarsi di un fiore che, fino ad allora, nella Bassa Romagna in pochi avevano mai visto. Il fiore di loto. Cominciò quindi la coltivazione di questo affascinante fiore che, in poco tempo, portarono Gallamini ad essere uno dei più rinomati produttori di fiori di Loto d’Europa.

Il lago in cui il loto veniva coltivato è stato poi ceduto al comune di Lugo ed oggi è il fulcro del rinomato parco del Loto. Si tratta di un parco urbano di oltre 70.000 mq che, se ben gestito, potrebbe regalare magnifiche fioriture di loto.

Da casa e bottega al bellissimo negozio Gallamini Piante e Fiori a Lugo

L’ attività dello zio si incentrò sul vivaio di fiori di loto, mentre suo fratello Francesco (Cecchino), padre di Carlo, si dedicò alla coltivazione di piante d’appartamento e fiori. Quest’ultima continuava ad avvenire esattamente nello stesso appezzamento di terra originario (gli orti di San Domenico a Lugo). Nella stessa sede in cui, di fatto, viveva la famiglia. Casa e bottega, quindi, fini al 1959. Data in cui la moglie del signor Francesco, Angela, inaugurò il primo negozio (che era in via Baracca). La signora Angela, dai lughesi conosciuta come Lina, adorava il suo negozio che, sin da subito, si propose come una vera eccellenza del territorio.

Io devo forse ai fiori l’essere diventato pittore

claude monet

Nel 1985 Carlo Gallamini, l’attuale titolare del negozio, si affianca alla madre nella gestione del negozio. Dopo poco entra in guida dell’attività che si trasferisca in Via Garibaldi ed assume sempre più rilevanza nel territorio.

L’evoluzione del mercato dei fiori: Gallamini piante e fiori oggi

Oggi il bellissimo negozio di Gallamini Piante e Fiori a Lugo è in Piazza Trisi. Una location di eccellenza: la Cappella del vecchio Ospedale del Limite. Luogo meraviglioso che viene incredibilmente valorizzato dalla presenza del magnifico negozio.

Mi colpisce una confessione lasciata quasi in scivolata, dal signor Carlo. Mi dice, infatti, con fare compunto ma dolcissimo, di essersi accorto maturando che la fragilità e bellezza dei fiori esercitano sempre più fascino man mano che il tempo passa.

Ho studiato tanto, ho fatto corsi, mi sono aggiornato tanto all’inizio e nel corso della mia carriera. Ma adesso, che sono diventato più grande, il tempo assume un altro significato. E alla luce di questo apprezzo infinitamente anche i sacrifici e l’impegno profuso.

E apprezzo veramente appieno il valore di quest’attività

Carlo Gallamini

In tutti questi anni l’evoluzione nel mercato c’è stata ed è stata grande. Siamo passati dalla florigrafia vittoriana alla globalizzazione e diffusione di varietà incredibili che caratterizzano il mercato di piante e fiori oggi. Negli ultimi 20 anni il mercato si è contratto in modo molto importante. Per restare ai vertici, come Gallamini Piante e Fiori a Lugo, è molto importante essere mossi da grande passione e forti motivazione e preparazione. Che sono le cifre che contraddistinguono, ancora oggi, il magnifico negozio Gallamini.

Per Approfondire

Articolo creato 66

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto