La mappa dei 5 ristoranti Dove mangiare sul Delta del Po in Romagna e al confine

Dove mangiare sul Delta del Po: 5 (+1) ristoranti consigliatissimi!

Reading Time: 7 minutes

In qualsiasi stagione, in qualsiasi momento della vita, domandarsi dove mangiare sul delta del Po è una svolta. Significa decidere di regalarsi un’esperienza, un momento unico. Il Delta del Po romagnolo è un vero paradiso per chi ami il connubio di natura selvaggia del Delta con il cibo buono e schietto, come da tradizione romagnola.

Per approfondire proposte di itinerari nel delta del Po, salvati questi due articoli:

Un articolo su dove mangiare sul Delta del Po in Romagna non può prescindere da un’introduzione al territorio. a seguire troverai i 5 ristoranti dove mangiare nel Delta del Po in Romagna o ai confini con essa + 1 ristorante bonus.

Il Delta del Po: paesaggio liquido

Sono una romagnola d’entroterra, abito a Lugo di Ravenna. Il Parco del Delta del Po, però, inizia a pochi chilometri da casa mia. Fin da piccola ho imparato ad amare il panorama ricchissimo, e liquido che lo contraddistingue.

Il Delta del Po, infatti, non è liquido solo per l’acqua che tanto lo connota ma anche per la capacità di mutare aspetto, colori, caratteristiche in pochissimo tempo e ridotto spazio. Non è raro percorrere le strade d’acqua e terra che lo contraddistinguono per passare, in qualsiasi stagione, dalle nebbie al sole più sfrontato, dalle ambientazioni gotiche delle paludi più selvagge ai ricchissimi panorami delle città di laguna, come Comacchio.

Tecnicamente la zona del delta sarebbe attribuita all’Emilia. È anche vero che, però, gli abitanti del Delta spesso si sentono culturalmente più vicini alla Romagna, che all’Emilia. A questo si aggiunga che il Delta del Po insiste in un’area che include anche il Veneto.

Terra di confine tra regioni, tra terra e acqua, salato e dolce. Nel Delta del Po i confini culturali, geografici e storici sono mobili, lassi, sfumati. Esprimono perfettamente l’idea di eterogeneo movimento che il Delta del Po incarna. La gastronomia del Delta del Po conferma questo approccio adattabile quasi effimero. E si presenta come un compendio perfetto di piatti di mare, terra e lacustri; mangiare sul delta del Po è un viaggio affascinante quanto lo è percorrerne le vie di terra e di acqua.

Qui sotto trovi la raccolta di 5 ristoranti sul Delta del Po (+1 che non è sul Delta a livello geografico, bensì a livello ideale), per programmare le tue Vacanze sul delta del Po oppure un weekend o una serata gastronomica, credimi, di grande valore.

Per la mappa dei 6 ristoranti dove mangiare sul Delta del Po clicca qui, così vedrai la dislocazione.

1. Agrilocanda Val Campotto – la sostenibilità della gentilezza -Argenta-

Siamo nel territorio del Parco Regionale del Delta del Po – Valli di Campotto e Argenta. Lo scenario passa in modo intermittente dalla verde e dorata campagna coltivata al delta umido. Dalle balle di fieno e i filari di viti ad aironi e fenicotteri il passaggio è subitaneo tanto quanto naturale.

Anche per questo motivo amo raggiungere l’Agrilocanda Val Campotto: già il breve viaggio (35 km da Ravenna, 45Km da Bologna, 50Km da Forlì) è uno spettacolo. Ma il bello deve ancora venire.

La location è spettacolare in estate come in inverno. Una grande casa colonica incastonata tra i campi e la valle: ispira subito l’idea di uno spirito simbiotico con la natura. In estate si mangia nell’aia esposti alla brezza delle valli che, credimi, è un vero sollievo quando si cerchi un’alternativa all’afa dell’entroterra. Ad accogliere i fortunati ospiti, in tutte le stagioni, il sorriso e la squisita allegria di Angelica.

ti suggerisco, nel caso tu sia appassionato di mototurismo, di inserire Agrilocanda val Campotto come base per i tuoi itinerari in moto in Emilia Romagna. Perché da qui potrai godere di una delle parti più selvagge della nostra regione che il mototurismo ti possa offrire.

Il menù è ricercato ma semplice, riferito al territorio e innovativo al tempo stesso. I piatti sono legati alla stagionalità più che mai: le verdure dell’orto la fanno da padrona. È anche possibile acquistare prodotti del territorio presso la Bottega.

Alla base della proposta dell’ Agrilocanda c’è un concetto di sostenibilità (in termini di natura, territorio ed economia) che si traduce in gentilezza. Le preparazioni sono gentili nei confronti delle materie prime, la location si inserisce gentilmente nella storia e nella geografia: sostenibilità e gentilezza guidano l’esperienza che si vive in Agrilocanda.

Indimenticabile.

Agrilocanda Val Campotto dispone anche di camere ed è una base perfetta per scoprire l’unicità e la bellezza delle Valli di Campotto e Argenta.

Indimenticabile.

Segui gli aggiornamenti di Agrilocanda Val Capotto attraverso i social Instagram e Facebook

“Come diventava stupida, ridicola, grottesca, la vita, la famosa vita… E come ci si sentiva bene, immediatamente, al solo pensiero di piantarla con tutto quel monotono su e giù di mangiare e defecare, di bere e orinare, di dormire e vegliare, di andare in giro e stare, in cui la vita consisteva!”

Giogio Bassani, l’Airone

2. La zanzara – un’isola di unicità! -Codigoro-

Si ispira alle zanzare del Delta il nome di questo paradiso terrestre e questa denominazione forse ci rende un pelo più simpatici questi tipici (anche se malfamati) insetti.

La location è una splendida palafitta sulla laguna di Codigoro, i posti a sedere sono limitati, l‘accoglienza raffinata ed al contempo semplice. Il ristorante La zanzara è stato riconosciuto con una stella Michelin. Qui il link della guida Michelin.

Il menù de La Zanzara è una vera sinfonia che ti rapirà proprio come il canto delle sirene. La lista dei vini è, in realtà, una selezione di passioni e di eccellenze. Mai come quest’anno abbiamo capito che la vita vale la pena di essere gustata; una cena a la zanzara, secondo me, deve rientrare nelle nostre priorità estive. Eccoti il link del ristorante La Zanzara

3. La Saraghina: la terra di mezzo della gastronomia – Lagosanto-

La Saraghina, se ti piace la metafora Talkeniana sarà la tua “terra di Mezzo”: non una pescheria, non un ristorante non un’enoteca. Ma prendi le essenze di queste, massimizzane i valori et voilà. La Saraghina a Lagosanto ti aspetta.

Come in pescheria, scegli tu il pescato del giorno e ti lasci guidare dagli esperti sulle preparazioni più indicate. Il ristorante è un ambiente di raffinata semplicità e discrezione. Ad emergere sono la rustica eleganza dell’alta qualità di materie prime e della semplicità dei piatti. Dei veri artigiani della gastronomia. l’enoteca seleziona vini che rispondono alla stessa esigenza di autenticità e qualità espressa dal menù, rendendo all’esperienza gastronomica forte emozionalità. Eccoti il Link

L’acqua in cui non si specchiano gli alberi, limacciosa e stanca di percorsi, densa di materiali, esausta di farseli rotolare nel ventre giù verso valle perennemente, l’acqua che non riflette le cime degli alberi perché ha lo stesso colore delle cortecce, l’acqua da cui non traspaiono fondali, da cui non rimbalza il colore del cielo – perché non fa differenza con la corteccia in questi giorni di pioggia – trattiene in lenti movimenti pesci assassini fuggiti via dalle vasche. 

Dario Voltolini, il grande fiume

4. Dove mangiare le ostriche rosa sul Delta del PO: Ittiturismo Villa Martina – Porto Tolle

Prima di suggerirti dove mangiare nel delta del Po per vivere l’esperienza del pescaturismo meglio spiegare

Cos’è il pescaturismo

Il Pescaturismo (decreto ministeriale 293 del 13 aprile 1999) è stato istituito nell’ottica del “turismo responsabile” e sostenibile. L’ittiturismo nasce per valorizzare le realtà sociali e ambientali dei luoghi della pesca con l’obiettivo di creare un turismo slow, responsabile e coinvolto nell’importante equilibrio ambientale che gravita attorno al mondo della pesca.

Il Pescaturismo del Delta del Po trova nell’ittiturismo Villa Martina di Porto Tolle (Rovigo) una vera eccellenza. Qui sarà possibile gustare, tra le altre cose

  • la gustosissima vongola verace DOP del Polesine
  • La pregiata Ostrica rosa Tarbouriech, anche della ostrica rosa del Delta del Po.

Il pescato è sempre freschissimo, lavorato in modo semplice e secondo ricette che prendo il meglio sia dalla cucina romagnola che da quella rovigotta.

Dall’ittiturismo Villa Martina partono diverse escursioni sul Po: perfette per capire in modo esperienziale la bellezza e complessità del sistema vallivo.

Mantieniti aggiornato sulle proposte di Ittiturismo Villa Martina attraverso i suoi social Instagram e Facebook

5. Mangiare nei casoni del Delta del Po: il Bilancione – Ariano nel Polesine-

Come l’ittiturismo Villa Martina, anche il Bilancione non è in Romagna, bensì in Veneto. Ma l’acqua del Delta non divide, unisce. Rimescolando confini, culture, ricette. Meta perfetta se vuoi regalarti la bellezza del panorama tipico del bilancioni (ovvero casoni su palafitte, dediti alla pesca di valle) ti regala un’esperienza unica.

Il Bilancione è un piccolo e intimo ristorante ricavato su un vecchio casone da pesca. In estate si mangia sul terrazzo, che si affaccia direttamente sul Po. Non perderti l‘indimenticabile tramonto su fiume, credimi. Ne vale la pena! Il cibo è freschissimo, preparato in modo semplice e schietto.

Segui il ristorante il Bilancione su Facebook

5+1. Al Brindisi: dal 1435, la più antica osteria del mondo è a Ferrara

Dove mangiare sul delta del Po è una guida emozionale, per questo motivo io non potevo non inserire un mio grande amore: l’enoteca al Brindisi. Nonostante sia a Ferrara, quindi non sul Delta, il Brindisi è per me un locale liminare, di confine. E cui sono molto legata.

Al Brindisi andavo ventenne, quando mi disperdevo in una Ferrara dei Buskers incredibile alla ricerca di musica, arte e multicultura.

Al Brindisi capii che mi ero follemente innamorata del lasagnone dagli occhi di Diabolik che mi sedeva davanti (il mio splendido-moroso allora ed oggi Splendido-marito). Il brindisi mi ha accompagnato nelle tappe più importanti e gustose della mia vita. Me come milioni di altre donne e uomini, in oltre 586 anni di Storia.

Si, hai letto bene. Il Brindisi esiste dal lontano 1435. Al brindisi sono passati tutti i più grandi esponenti della cultura e dell’arte del mondo. Di questa storia incredibile diventate parte ogni volta in cui entrate nel locale. All’osteria del brindisi trovi una cantina selezionata con attenzione meticolosa, un menu di terra semplice ma rigoroso sulla qualità e la scelta delle materie prime ed un ambiente, inutile dirlo, unico al mondo! Eccoti il Link

Per approfondire

Articolo creato 93

2 commenti su “Dove mangiare sul Delta del Po: 5 (+1) ristoranti consigliatissimi!

  1. Grazie cara Elena!! Che belle notizie ci dai !! Spero di sperimentali tutti i tuoi suggerimenti x aggiungere al piacere della tavola quello di luoghi incantati che ancora fanno sognare
    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto