Pastella per fiori fritti ricetta vegana è il titolo. Le foto sono i fiori fritti di sambuo e i fiori fritti di acacia preparati con la pastella ricetta vegana tradizionale romagnola

Fiori fritti ricetta vegana: non solo fiori di zucca (e non tutto l’anno) nella cultura gastronomica di Romagna

Reading Time: 5 minutes

Se ti scrivo ” fiori fritti ricetta vegana” tu a cosa pensi? Innanzitutto, se non pensi subito ai fiori di zucca, allora sei veramente una mosca bianca! Eh si, perché da piatto regionale ligure e romagnolo legato ad una stagionalità limitata all’inizio estate, i fiori di zucca in pastella sono diventati onnipresenti (e sempiterni, visto che si trovano tutto l’anno).

Ho sottolineato si tratti di una ricetta vegana in quanto non contiene derivati animali. Infatti la pastella per frittura tradizionale romagnola a base uova (trovi i riferimenti per la ricetta di Pellegrino Artusi in Approfondimenti) non sempre era possibile da fare perché le uova non sono sempre disponibili, pertanto ne esistono di variabili senza uova, come questa.

Maggio è il mese dei fiori di acacia fritti e dei fiori di sambuco fritti, in Romagna

I fiori di zucca fritti sono di stagione a partire da giugno e sono preceduti da tanti altri fiori (e foglie) eduli dalla primavera in avanti.

Maggio, il mese delle fioriture per eccellenza, ci offre grande ricchezza di fiori da portare in tavola, debitamente fritti! Tra questi i fiori di acacia, alberi un tempo presenti in tantissimi cortili delle case contadine e i fiori di sambuco.

La pastella per fiori fritti ricetta vegana che sto per proporti è una pastella semplicissima che può essere usata per friggere anche foglie (io ho fatto la salvia fritta, ma puoi fare lo stesso anche con le foglie di basilico, ad esempio) e verdure (zucchine, carote, melanzane etc).

Oggi friggiamo i fiori di acacia sambuco e le foglie di salvia

Fiori di acacia fritti, fiori di sambuco fritti e salvia fritta sono un antipasto perfetto per festeggiare l’approssimarsi della bella stagione. Sulla stessa linea dei fiori di zucca fritti, sono una proposta sicuramente veloce, gustosa e vegana.

L’idea di una ricetta vegana per i fiori fritti a molti trasmette l’idea di una rivisitazione delle ricette tradizionali. Spesso si pensa che tutte le pastelle per frittura debbano contenere uova. Nulla di più errato. Un esempio lo è la ricetta dei fiori fritti romagnola: semplicissima e vegana, per tradizione.

La cucina romagnola è famosa per piatti corposi ed elaborati, spesso base carne. In realtà, però, la cucina tradizionale romagnola è caratterizzata anche da molti piati di base vegetale e preparazioni semplici e veloci, come questo sfizioso antipasto.

Continua a leggermi, qui sotto troverai le indicazioni per una pastella per fiori fritti ricetta vegana perfetta per tutti i fiori (incluso i fiori di zucca). Il risultato saranno frittelle dorate e croccanti, perfette per aprire un pasto in modo stuzzicante e originale!

1. Ingredienti per preparare i fiori fritti ricetta vegana (per 4 persone adulte, frittura ad immersione)

  • 20 foglie di salvia grandi
  • 4 fiori di acacia
  • 4 fiori di sambuco
  • 300 ml di birra ben fredda
  • 200 g di farina
  • 1 cucchiaio di olio

Procedimento

  1. Seleziona le lanternine di fiori di acacia e le lanternine di fiori di sambuco, eliminando le foglie
  2. Lava le foglie di salvia, le lanternine di fiori di acacia e gli ombrellini di fiori di sambuco. Poni il tutto su carta assorbente e tampona delicatamente per asciugarle bene. .
  3. Prepara la pastella. In una terrina metti la farina, l’olio, poi comincia ad aggiungere la birra mescolando con la forchetta o frusta. Devi ottenere una pastella liscia e morbida.
  4. Porta a bollore abbondante olio per frittura, intingi le foglie e i fiori nella pastella fino a ricoprirli ben bene e poi immergili nell’olio bollente.
  5. Friggeranno pochi minuti, giusto il tempo per ottenere un leggero colore dorato.
  6. Scolarle con una ramaiola, metterle subito su carta per fritti. Servire bollenti, dopo avere spolverato con sale fino.

Friggo di rado, quindi non mi sono ancora interessata alla friggitrice ad aria. Per questo motivo non so affatto darti indicazioni su come friggere i fiori di acacia, di sambuco e la salvia con la friggitrice ad aria. Ma se tu proverai o hai provato e vorrai scrivermi nei commenti come hai fatto e i risultati ottenuti sarò ben felice di condividerli!

2. Acacia: caratteristiche e dove cresce

In realtà l‘acacia non è un albero specifico, lo sapevi? Col nome botanico acacia, infatti, indichiamo una famigli di alberi, oltretutto molto estesa. Esistono, infatti, oltre 1500 specie di acacie, lo sapevi? Oltre 1000 di queste specie sono in un unico paese: l’Australia, non a caso l’acacia è l’albero nazionale australiano.

Nel linguaggio comune, col termine di acacia in Italia indichiamo una pianta ben specifica, molto diffusa in tutto il nostro paese: la Robinia pseudoacacia. Questa pianta nel mese di maggio ha una fioritura profumatissima ed è molto diffusa in tutto il territorio di Romagna

I fiori di acacia sono piccole campanelle disposte a grappolo ed hanno un colore bianco-vaniglia. I fiori d’acacia fritti sono un piatto molto comune in diversi contesti italiani. Ma ancora più diffuso è il miele d’acacia, profumatissimo e con un sapore fruttato molto gradevole.

Proprietà e benefici dell’acacia – uso officinale

In Romagna l’acacia è sempre stata usata dai contadini per le proprietà antisettiche e antinfiammatorie. Anticamente, era un rimedio molto utilizzato per curare gengiviti e stomatiti sia negli esseri umani che negli animali. Questo è dovuto all’elevato tenore di catecolo e quercitina (antinfiammatori naturali).

3. Sambuco: caratteristiche e dove cresce

Il sambuco è un arbusto molto diffuso in tutto il territorio di Romagna e caratterizza tantissimo tutta la dorsale appenninica. Caratterizza i terreni incolti delle nostre colline, dove lo si trova spesso a cornice di fiumi e rivoli.

In primavera il sambuco fiorisce: in pianura all’inizio di maggio, in collina con qualche settimana di ritardo. I fiori di sambuco sono grandi ombrelli bianchi formati, a loro volta, da centinaia di piccolissimi fiori.

Proprietà e benefici del sambuco

Le azdore romagnole, in particolare delle zone più isolate e povere come quelle di collina, hanno sempre raccolto i fiori di sambuco per le importanti proprietà sostegno alla secrezione bronchiale e cura dei raffreddori. Sotto forma di tisana, infatti, il decotto di fiori di sambuco (cui si aggiungono anche foglie di ortica e fiori e foglie di malva, è stato usato a lungo per i lavaggi nasali.

I fiori di sambuco essiccati sono molto utilizzati per aromatizzare le grappe, in collina.

4. Salvia: caratteristiche e dove cresce

La salvia (Salvia officinalis) è una pianta della famiglia delle Laminaceae che trova largo uso in cucina per aromatizzare diverse pietanze. È infatti ricchissima in oli essenziali e regala il tipico sapore e profumo a moltissime preparazioni. Io amo farne friggere le foglie in abbondante burro per condirci la pasta all’uovo ripiena (ravioli o tortelli conditi con burro e salvia) ma anche aggiungerla liberamente alle verdure al forno, agli arrosti ed a molte altre preparazioni.

Proprietà e benefici della salvia

In Romagna la salvia trova prevalentemente uso in cucina. Ma sin dall’epoca romana le è riconosciuta una grande attività antispasmodica e rilassante. Per questo motivo trova utilizzo in caso di intestino irritabile o come rimedio contro i dolori mestruali.

Beh, ora che hai a disposizione un’imbattibile pastella per fiori fritti ricetta vegana, che ne dici di metterla alla prova subito? Da maggio a giugno avrai grande varietà di fiori e foglie da scegliere e testare!


Questa è una ricetta cui sono molto affezionata, ti sarò veramente grata se le darai diffusione condividendola con chi sai che l’apprezzerà e, magari, scrivendomi qui sotto nei commenti cosa ne pensi!

Per approfondire

Articolo creato 82

Un commento su “Fiori fritti ricetta vegana: non solo fiori di zucca (e non tutto l’anno) nella cultura gastronomica di Romagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto